Alternanza in Statale: la punta dorata di un iceberg di sfruttamento“.  È questo il testo di uno dei volantini e degli striscioni che oggi alcuni studenti del collettivo universitario Cut hanno mostrato in università davanti all’aula magna dove la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha partecipa agli ‘stati generali dell’alternanza scuola lavoro’. E proprio il ministro ha difeso quello che ha definito “un modo per qualificare la didattica nelle scuole“. “Non è sfruttamento – ha spiegato – ma un’innovazione didattica che avvicina saperi tradizionali a ulteriori conoscenze. Dove ci sono episodi, che – ha ammesso – possono succedere, ho già detto che l’importante è segnalarlo” sul portale e “al preside che non deve ammettere lo sfruttamento. L’alternanza scuola lavoro è una qualità innovativa della didattica e non deve essere utilizzata – ha sottolineato la ministra – per far fare a studentesse e studenti lavori che devono essere fatti dai dipendenti”. Quindi, è il suo appello, “se ci sono episodi, me li segnalino subito perché interverremo immediatamente“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Buona Scuola, ultimi decreti approvati. ‘E’ mancato il coraggio di cambiare davvero’

prev
Articolo Successivo

Presidi in rivolta contro il governo: “Test Invalsi e valutazione, pronti a lotta dura”

next