“Se una persona fuma erba è illegale, se cento persone fumano erba la legge è da cambiare”. A parlare è Maura Paoli, consigliera del Movimento 5 stelle torinese, che venerdì scorso ha partecipato alla semina collettiva antiproibizionista organizzata dal centro sociale Gabrio al parco del Valentino di Torino, uno dei luoghi di spaccio del capoluogo torinese. “È stata una provocazione per ridicolizzare il proibizionismo che ha fallito e toglie risorse importanti a magistratura e forze dell’ordine”, dichiara la consigliera, impegnata in una battaglia che è riuscita a mettere insieme deputati e sindaci del Pd e del M5S. “Se saliamo al potere, vedrei bene il modello dei social club spagnoli quindi l’autoproduzione collettiva e una proposta sul monopolio di stato

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassimatis, tribunale di Genova dà ragione alla ex candidata sindaco M5S scomunicata da Grillo

next
Articolo Successivo

M5s, l’economista Zingales: “Ministro coi 5 stelle? Fake news. Sono solo più aperto di altri ad alcune loro idee”

next