Incidente sul lavoro questa mattina a Moncalieri, in provincia di Torino, dove sono rimasti gravemente intossicati due uomini, uno in fin di vita. Entrambi lavorano per un’azienda che si occupa di zincature e specializzata in trattamenti di metalli: stavano operando intorno alle 9 all’interno di una cisterna e si sono sentiti male a causa dell’acido cloridrico rimasto nella struttura. Subito soccorsi e rianimati dal 118, sono in prognosi riservata. Uno di loro, Fabrizio Di Costa, è il responsabile dello stabilimento Zinco Plating, di via Vittime del Vajont 19, ed è ricoverato dopo un arresto cardiaco all’ospedale Santa Croce di Moncalieri: ha 45 anni ed è intervenuto per soccorrere un operaio di 53 anni. Quest’ultimo, Riccardo Pergola, si è sentito male mentre era impegnato nella pulitura della vasca: si trova intubato in gravissime condizioni all’ospedale Cto di Torino.

Nella cisterna avrebbe dovuto esserci solo acqua, ma evidentemente così non è stato: i carabinieri stanno indagando su cosa è realmente accaduto, con l’ausilio dei vigili del fuoco. L’operaio, infatti, si è sentito male ed è svenuto. E’ stato a quel punto – secondo una prima ricostruzione – che l’amministratore dello stabilimento e responsabile della sicurezza è intervenuto per aiutare il collega ed è a sua volta rimasto intossicato. L’incidente, come detto, è avvenuto alla Zinco Plating, che sorge su un’area di 7mila metri quadrati e dà lavoro da una trentina di addetti. La Fiom-Cgil ha espresso “solidarietà” e “vicinanza” alle persone coinvolte nell’incidente e “rimane in attesa dell’indagine della magistratura per l’accertamento delle responsabilità”.

“Mio marito ha sempre lavorato in sicurezza. Nessun responsabile gli ha mai messo fretta o gli ha intimato di non prendere le dovute precauzioni”. Così la moglie dell’operaio, in prognosi riservata, nella sala d’aspetto dell’ospedale Cto. “Mio marito – ha aggiunto la donna – lavora allo Zinco Plating di Moncalieri da 15 anni. È un operaio specializzato che svolge le sue mansioni con precisione e con passione. Per lui il lavoro è tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ci si può fidare di chi ha il potere di esercitare la forza? Ilaria Cucchi al Festival del giornalismo di Perugia

next
Articolo Successivo

Roma, ex Atm Bruno Rota sarà dg di Atac. Gli obiettivi: 565 nuovi bus, più ricavi per 300 milioni e pareggio di bilancio

next