Una variante, in peggio, del furto di caramelle ai bambini, è venuta a galla a Torino in una struttura sanitaria d’eccellenza. Due addetti alla portineria dell’ospedale infantile Regina Margherita del capoluogo piemontese sono stati sorpresi dalle videocamere a rubare oggetti, tra cui giochi elettronici e peluche, da una sala per lo svago dei bambini ricoverati, e a fumare marijuana in servizio. I Carabinieri del Nas, nell’ambito di una indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito delle perquisizioni, domiciliari e nell’ospedale, alla ricerca di ulteriori riscontri di quanto emerso dai video di sorveglianza.

Nelle immagini si vedono i due operatori di portineria fare uso di stupefacenti durante il turno di servizio, e uno dei due con grosse buste della spesa, intento a portare via giochi elettronici per bambini e peluche sottratti ad una biblioteca allestita all’interno dell’Ospedale, oltre a televisori, acqua minerale e altri oggetti di pertinenza dell’ospedale.  Le perquisizioni eseguite presso le abitazioni dei due dipendenti ospedalieri hanno consentito il recupero della refurtiva e di altro materiale, tra cui coperte, lenzuola e altri giocattoli, anch’esso sottratto all’ospedale. In relazione ai furti – fanno sapere i carabinieri – sono state peraltro acquisite le prime ammissioni di responsabilità degli indagati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crac Interporto Romano, 12 indagati per fallimento della società. “Dissipati beni per 47 milioni”

prev
Articolo Successivo

Scomparso da un mese viene ritrovato (per caso) in un pozzo. Il video del salvataggio in extremis

next