Identificate quattro nuove specie di virus giganti, dei veri e propri Frankenstein evoluti a partire da mini virus che si sarebbero ingranditi sempre di più ‘rubando’ geni qua e là dalle cellule ospiti infettate. La scoperta, frutto del sequenziamento del materiale genetico prelevato dagli scarichi di un impianto di trattamento delle acque reflue in Austria, sembra sconfessare l’ipotesi che i virus giganti possano rappresentare addirittura un nuovo dominio del mondo vivente. A indicarlo è uno studio pubblicato su Science dai ricercatori del Doe Joint Genome Institute in California in collaborazione con i National Institutes of Health (Nih) americani, il California Institute of Technology (CalTech) e l’Università di Vienna.

“La scoperta ci fa vedere l’evoluzione dei virus sotto una luce nuova – commenta il biologo Eugene Koonin degli Nih – aumentando la nostra comprensione di quanti geni essenziali dell’ospite siano in grado di catturare i virus durante la loro evoluzione”.  I nuovi virus giganti scoperti in Austria sono stati chiamati Klosneuvirus e fanno parte della famiglia dei Mimiviridae a cui appartengono anche i primi virus giganti scoperti nel 2003, considerati da molti come l’anello mancante tra i virus e i batteri perché sarebbero potenzialmente in grado di produrre proteine, avrebbero cioè una capacità considerata propria solo degli organismi cellulari. Alla luce di questa caratteristica, diversi esperti avevano ipotizzato che i virus giganti si fossero evoluti a partire da antichi organismi cellulari, forse appartenuti ad un quarto dominio dei viventi ormai estinto. Analizzando il genoma dei Klosneuvirus e confrontandolo con quello di altri virus giganti noti, i ricercatori hanno in realtà compreso che non si sarebbero evoluti a partire da organismi cellulari, ma da virus più piccoli che avrebbero poi rubato geni ai diversi ospiti infettati.

L’articolo su Science

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tumore al polmone, “così si può bloccare la crescita e la comparsa di recidive”

next
Articolo Successivo

Depressione, scoperto un gene che può aumentare il rischio di soffrire della malattia

next