Immaginate di salire sul tram e che a un certo punto la vostra insospettabile vicina di posto inizi a leggere ad alta voce un brano del libro che ha in mano. E, finito lei, che inizi a leggere il tizio lì in piedi davanti a voi e poi una signora là in mezzo e così via. È proprio quello che è successo sabato 25 marzo a Milano sul tram 1. Un gruppo di appassionati lettori della Biblioteca Crescenzago, nei pressi di Via Padova, ha dato vita al primo “guerrilla reading” milanese, un’azione a sorpresa volta a spiazzare l’ignaro pubblico, a fare alzare gli occhi dai telefoni cellulari e a catturare l’attenzione con delle pillole di letteratura scelta. Un’azione pacifica che, a giudicare dalle reazioni di molti passeggeri, ha perfettamente colto nel segno: i guerrilla readers hanno raccolto parecchio interesse, qualche applauso, molti sorrisi e perfino dei doni. Non monetine, ma caricature fatte sul posto da una passeggera mentre stavano leggendo. Tra i più attenti c’erano i bambini che, nel rumore del tram, si sforzavano di non perdere una parola delle letture. L’azione è durata circa un paio d’ore e ha coinvolto una dozzina di volontari, tra chi leggeva, chi faceva foto e filmava e chi dava supporto morale al gruppo. L’idea è nata quasi per caso, ma a far scoccare la scintilla è stata la frequentazione da parte di molti dei “guerrilla readers” dei corsi di formazione del Patto di Milano per la lettura promosso dal Comune in collaborazione con l’associazione culturale Letteratura Rinnovabile e la Civica scuola di teatro Paolo Grassi. Sono i corsi diretti a formare i lettori volontari che si sono resi disponibili a partecipare a esperienze diffuse di letture ad alta voce in città, nelle scuole, nelle biblioteche, negli ospedali, nei centri ricreativi, nelle carceri. Un’esperienza innovativa che è stata accolta con entusiasmo dai milanesi: in meno di una settimana hanno risposto quasi in 2.000 al bando del Comune che cercava 150 nuovi volontari. I “guerrilla reading” sono figli di questo entusiasmo, della gioia di condividere con gli altri le emozioni e il piacere della lettura e potrebbero diffondersi molto rapidamente per Milano, dove si è appena concluso BookPride e già ci si prepara a ospitare la prima edizione di Tempo di Libri, la nuova fiera dell’editoria italiana che si svolgerà tra il 19 e il 23 aprile. C’è molto fermento in città e i “guerriglieri” della Biblioteca Crescenzago, tra un corso e l’altro, si preparano a nuove azioni a sorpresa. Non necessariamente sui mezzi pubblici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lo sforzo alla pressa è sovrumano, ma quando il ginocchio fa crack il video fa clic. L’incidente in palestra è virale

prev
Articolo Successivo

Lite stradale, ciclista vs automobilista: “Hai invaso la pista ciclabile”, “Non è vero”. E non volano solo parole

next