Oltre 20mila persone sono state evacuate dopo una serie di esplosioni in un enorme deposito di armi in Ucraina orientale. È successo nella notte tra martedì e mercoledì vicino a Kharkiv, in Balakliya: la base si trova a circa 100 chilometri di distanza dal fronte dove è sempre in corso la battaglia contro i separatisti russi. I funzionari dell’esercito parlano infatti di “un’azione di sabotaggio” commessa da una persona ancora sconosciuta.

La superficie totale della base si estende su più di 350 ettari. Il deposito viene utilizzato per stoccare migliaia di tonnellate di munizioni tra cui missili e armi di artiglieria, utilizzate poi nel vicino conflitto, scrive la Bbc. Nessuno sarebbe rimasto ferito nell’esplosione, ma le autorità stanno ancora evacuando migliaia di abitanti di villaggi della zona. Già nel 2015 c’era stato un precedente tentativo di dare alle fiamme l’impianto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Londra, perché il terrore colpisce sempre le masse e mai i potenti?

prev
Articolo Successivo

Attentato Londra, le vittime: il poliziotto disarmato e la madre che andava a prendere le figlie a scuola

next