A Torino due ragazzi omosessuali si sono visti rifiutare l’affitto di una casa, perché la proprietà preferiva una “coppia tradizionale“. “Stavamo cercando una casa tramite un’agenzia, abbiamo fatto l’offerta, abbiamo presentato i nostri contratti di lavoro a tempo indeterminato e quando sembrava tutto pronto, ci è stato detto che la proprietà avrebbe voluto una famiglia tradizionale” racconta Simone, uno dei due ragazzi che ha denunciato il caso. “Non è la prima volta che accade, ma abbiamo scelto di denunciare la situazione. Solamente raccontando questi casi potremo provare a trasformare la situazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, video appello al presidente Mattarella: “Non firmi la 378 sull’inclusione scolastica”

next
Articolo Successivo

Rom, torna la stagione dei campi-ghetto. Anzi, non si è mai fermata

next