Il titolo tradisce già un’ambizione fallimentare. Sintetizzare una giornata di assaggi, tra quasi 100 banchetti, in poche bottiglie è un esercizio di brutale sintesi che sminuisce il lavoro delle molte aziende meritevoli provate, come anche quello di chi prova a raccontarne i vini tra entusiasmi, fatiche e mal di schiena. Ma è giocoforza un’esigenza necessaria.

Sorgente del vino è una delle tante fiere dedicata ai piccoli vignaioli, una a quelle a cui sono più appassionato per vicinanza geografica, abitudine e criteri selettivi. Si parla, un po’ semplicisticamente di “vini naturali”, su cui si è detto tutto e di più: soprattutto che non esistono in termini puramente legislativi e forse anche concretamente, ma rimandano comunque a un mondo – in grande crescita – fatto di pratiche agricole attente, rispetto del territorio e minimo intervento in cantina. Vini autentici e sinceri, spesso molto espressivi. Quello che mi pare lecito cercare in un bicchiere.

Sorgente del vino 2017, una fiera in sette assaggi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Food-porn in tv: cibo o sesso, fa lo stesso

next
Articolo Successivo

Brunello di Montalcino: il più caro, il più raro. Ecco qual è il migliore

next