Andrea Lisi, Presidente Anorc (Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale), ai microfoni di Radio Cusano Campus, spiega la differenza tra testate giornalistiche online e blog dopo le polemiche sul blog di Grillo, querelato dal tesoriere del Pd Francesco Bonifazi per un post ritenuto offensivo – “Si sta facendo confusione. I blog sono amministrati da un gestore che però non pubblica personalmente tutti i post, ne ospita anche altri che appartengono ai singoli autori. Se i singoli autori ritengono di non firmarsi, una persona che si ritiene diffamata non può agire civilmente contro Beppe Grillo. I giudici dovranno verificare se l’autore del post incriminato sia verificabile e se non dovesse esserlo, l’unica cosa che si può fare è chiedere la rimozione del contenuto. Non si applica la legge sulla stampa, l’azione giudiziale del tesoriere Pd è stata una manovra politica per dimostrare che il blog non è di Grillo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bullismo, sei giovani sconteranno la pena portando i pasti agli anziani per un anno

prev
Articolo Successivo

Frana lungo la Statale del lago Maggiore, muore motociclista. Due feriti in un’auto

next