E’ stato un turista seduto ad un tavolo del Caffè Quadri a sventare la rapina che un gruppo di malviventi ha tentato oggi ai danni di una gioielleria di Piazza San Marco. Il negozio reca ancora l’insegna “Missiaglia”, ma da tempo ha cambiato proprietà e oggi è rivenditore di Damiani e Rocca 1794. A raccontarlo ai giornalisti è il capo maitre del caffè della famiglia Alajmo. “Il cliente ha visto che mentre una persona ha creato un diversivo gettando un fumogeno in mezzo alla piazza – spiega – altre due volevano introdursi nella gioielleria. Ha iniziato a urlare, richiamando le forze dell’ordine in piazza”. “Grazie a lui si è evitato il peggio – continua – perché in quel momento lo sguardo di tutti era rivolto verso il punto dove era stato gettato il fumogeno”. I banditi, vedendo le forze dell’ordine correre nella loro direzione, si sono dati alla fuga tra le calli. Dalle testimonianze sembrerebbe che un secondo fumogeno sia stato gettato dietro la gioielleria, per aumentare la confusione tra chi in quel momento si trovava nella piazza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valanga in Val Malenco, morti due sci-alpinisti: salvato il terzo componente del gruppo

next
Articolo Successivo

Roma, “Mezzi vecchi, servizio scadente e pochi ricavi”: i Radicali lanciano il referendum sull’Atac

next