Cori da stadio, giovani disposti a ore di attesa per una foto e un comizio con toni già da campagna elettorale. E’ questo il clima del primo incontro pubblico di Silvio Berlusconi dopo mesi lontano dalle telecamere. L’ex presidente del consiglio, intervenuto a un incontro dei giovani di Forza Italia organizzato a Milano, si presenta cantando l’Inno di Mameli poi lancia “L’albero delle libertà”, una sorta di manifesto elettorale. “Ho pensato a Forza Italia come a una pianta – afferma il leader azzurro -. Mi sarebbe piaciuto chiamarla quercia ma l’avevano già usata loro”.

Tanti i temi trattati: dai suoi cavalli di battaglia da quando è sceso in campo, come l’abbassamento delle tasse e la riforma della giustizia, a quelli meno scontati come la reintroduzione della Lira come seconda moneta fino ai diritti degli animali. “In Italia ci sono 8 milioni di cani e e 12 milioni di gatti – spiega Berlusconi – Abbiamo fatto un sondaggio e l’86% degli italiani li considera membri della famiglia. Gli animali sono essere senzienti e sentono il dolore. Chi maltratta un animale, chi lo uccide o lo addestra per lotte con cane contro cane deve essere punito anche con la prigione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri a Napoli, De Luca dal Lingotto: “Solidarietà a Salvini. Ha diritto di parlare”

prev
Articolo Successivo

Luigi De Magistris e Matteo Renzi, tribuni della plebe per stolti

next