L’11 marzo di 40 anni fa veniva ucciso a Bologna dal fuoco di un Carabiniere, Francesco Lorusso, lo studente di medicina iscritto a Lotta Continua. L’uccisione avvenne in via Mascarella, durante una delle tante proteste che costellarono il 1977 e che ebbero tra le capitali proprio la città emiliana. Davanti alla lapide si sono incontrati decine di compagni di una volta: Mauro Collina, Franco ‘Bifo’ Berardi, Oreste Scalzone. Ma c’erano anche i giovani dei collettivi universitari del Cua e di Hobo, che dopo i fatti di un mese fa, con lo sgombero da parte della polizia di una biblioteca universitaria occupata, hanno chiesto alle istituzioni di non presentarsi alla commemorazione. I collettivi si erano detti pronti a “tenere lontani dalla sua lapide”. L’amministrazione comunale così ha deciso di non presentarsi: “Perché al giochino di militarizzare tutto perché siano repressi e quindi di strumentalizzare una nostra presenza per qualche scontro, non ci cadremo”, aveva detto il sindaco di Bologna Virginio Merola. Ma i vecchi compagni di Lorusso, pur capendo l’arrabbiatura dei giovani, si dicono dispiaciuti per l’assenza del Comune.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, familiari delle vittime in piazza: “Fiducia nella Commissione. Ora le risposte che attendiamo da 26 anni”

prev
Articolo Successivo

Salvini a Napoli, scontri tra polizia e manifestanti. Scene da guerriglia urbana

next