L’11 marzo di 40 anni fa veniva ucciso a Bologna dal fuoco di un Carabiniere, Francesco Lorusso, lo studente di medicina iscritto a Lotta Continua. L’uccisione avvenne in via Mascarella, durante una delle tante proteste che costellarono il 1977 e che ebbero tra le capitali proprio la città emiliana. Davanti alla lapide si sono incontrati decine di compagni di una volta: Mauro Collina, Franco ‘Bifo’ Berardi, Oreste Scalzone. Ma c’erano anche i giovani dei collettivi universitari del Cua e di Hobo, che dopo i fatti di un mese fa, con lo sgombero da parte della polizia di una biblioteca universitaria occupata, hanno chiesto alle istituzioni di non presentarsi alla commemorazione. I collettivi si erano detti pronti a “tenere lontani dalla sua lapide”. L’amministrazione comunale così ha deciso di non presentarsi: “Perché al giochino di militarizzare tutto perché siano repressi e quindi di strumentalizzare una nostra presenza per qualche scontro, non ci cadremo”, aveva detto il sindaco di Bologna Virginio Merola. Ma i vecchi compagni di Lorusso, pur capendo l’arrabbiatura dei giovani, si dicono dispiaciuti per l’assenza del Comune.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moby Prince, familiari delle vittime in piazza: “Fiducia nella Commissione. Ora le risposte che attendiamo da 26 anni”

next
Articolo Successivo

Salvini a Napoli, scontri tra polizia e manifestanti. Scene da guerriglia urbana

next