Nel corso della manifestazione dell‘8 marzo, organizzata dal movimento Non Una di meno, una delegazione dell’Usb ha fatto “irruzione”nei corridoi del Fatebenefratelli di Milano, per poi appendere uno striscione nel cortile interno. Un blitz pacifico per protestare contro la presenza degli obiettori di coscienza nell’ospedale. “Chiediamo che venga applicata la legge 194, perché non applicarla è un rischio per le donne – hanno spiegato – Per questo gli obiettori devono stare fuori dagli ospedali pubblici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, ladro fugge contromano in tangenziale e si schianta contro polizia e carabinieri (video)

next
Articolo Successivo

Catanzaro, treno investe tre tredicenni: uno è morto, illesi gli altri due. “Si stavano facendo un selfie”

next