Tre tredicenni investiti da un treno mentre attraversavano i binari. Succede a Soverato, in provincia di Catanzaro: uno è morto sul colpo, mentre gli altri due sono rimasti illesi. L’incidente mortale è accaduto tra le stazioni di Soverato e Montauro, lungo la linea jonica. Secondo le ipotesi degli investigatori, i tre volevano farsi un selfie con lo sfondo del treno in arrivo, cercando di resistere il più possibile sui binari prima del passaggio del convoglio. Il treno stava procedendo in direzione Reggio Calabria.

I carabinieri stanno cercando di ricostruire l’accaduto. I due superstiti sono stati ritrovati dai carabinieri dopo essersi dati alla fuga. In base a quanto riferito agli agenti, sono scappati perché temevano conseguenze per la loro decisione di camminare lungo i binari del treno per un gioco pericoloso che si è trasformato in tragedia. La vittima era di Petrizzi, in provincia di Catanzaro. Il macchinista del treno è attualmente in stato di choc.

I dati della Polfer relativi al 2016 rilevano un incremento degli incidenti ferroviari (+63%) e dei decessi (+47%) a seguito di investimento. Tra i comportamenti che causano maggiormente incidenti: l’attraversamento dei binari, come nel caso di Soverato, l’ invasione della linea ferrata e la presenza indebita lungo la linea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

8 marzo, blitz al Fatebenefratelli di Milano contro gli obiettori di coscienza: “Via dagli ospedali pubblici”

prev
Articolo Successivo

Stadio Roma, col piano di Marino calcio d’inizio solo a opere pubbliche finite. Ora in campo anche senza ponte e svincolo

next