“Io sono stufo che a ogni trasmissione a cui vengono invitati Di Maio e Di Battista e loro si sottraggano al confronto“. Con questa motivazione il senatore Pd Stefano Esposito, nel corso di Tagadà (La7), esprime il suo dissenso nei confronti della conduttrice, Tiziana Panella, che qualche minuto prima aveva intervistato il deputato del M5S, Luigi Di Maio. Esposito, che stamattina ha duramente criticato il vicepresidente della Camera, poi ha abbandonato per protesta la trasmissione, spiegando: “Io ho aspettato diligentemente. Lei, non per colpa sua, ha fatto un’intervista monologo a Di Maio, che ha fatto delle affermazioni incredibili e gravi, oltre che menzognere, ha detto una grande quantità di sciocchezze e di bugie infamanti. Quindi, me ne vado, la saluto e sono pronto a tornare quando Di Maio e Di Battista saranno pronti al confronto. Io non ci sto più a trasmissioni nelle quali questi signori del M5S fanno il monologo senza mai accettare il confronto”. “Io non posso trattenerla perché ognuno fa quel che gli pare” – commenta la giornalista – “Segnalo che anche io ho diritto di fare una intervista per i fatti miei e che più tardi ne faremo un’altra simile con Michele Emiliano. Magari il senatore Esposito si sarebbe dispiaciuto anche di quello”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consip, Gomez vs Migliore: “Tu e Berlusconi avete posizioni analoghe. Vi preparate a governare insieme”

prev
Articolo Successivo

Consip, Emiliano a La7: “Una roba che avrebbe fatto saltare uno Stato. Invece tutti tranquilli e al loro posto”

next