Quelle giornate dove ti siedi davanti a un computer e la prima cosa che fai è aprire Google Chrome e Facebook.
Sono già tutti lì.
426.
Guarda quei pallini verdi.
Vite che pulsano davanti a uno schermo, vite come la tua, alcune più fortunate, altre no, ma pur sempre vite, vite scrollanti.
E sei lì a fissare lo schermo.
Ecco il pallino rosso delle notifiche, c’è scritto “20” e vai subito a vedere chi ha scritto il commento, chi ha messo “mi piace”, chi ha messo il cuoricino, la faccina arrabbiata, la faccina che ride.
Hey, c’è un commento che ti ha infastidito, non sei d’accordo e allora rispondi, premi invio.
Intanto il pallino rosso delle notifiche ti dice “2” e e vai subito a vedere chi ha scritto il commento, chi ha messo “mi piace”, chi ha messo il cuoricino, la faccina arrabbiata, la faccina che ride.
In chat è arrivato uno sconosciuto che vuole parlare con te.
Gli rispondi?
Non gli rispondi?
Eh, però hai letto il suo messaggio e lui ha visto che hai letto il suo messaggio.
Che fare?
Vuoi non rispondere?
E gli rispondi e vi mettete a chiacchierare di niente per venti minuti.
Intanto il pallino rosso delle notifiche ti dice “8” e e vai subito a vedere chi ha scritto il commento, chi ha messo “mi piace”, chi ha messo il cuoricino, la faccina arrabbiata, la faccina che ride.
Guardi l’orologio.
Sono passate due ore da quando hai aperto Google Chrome e Facebook.
E cosa hai combinato?
Niente.
Evidentemente non avevi niente di urgente da fare, altrimenti lo avresti fatto e avresti aperto Google Chrome e Facebook più tardi.
Intanto il pallino rosso delle notifiche ti dice “6” e e vai subito a vedere chi ha scritto il commento, chi ha messo “mi piace”, chi ha messo il cuoricino, la faccina arrabbiata, la faccina che ride.
Ora basta.
Chiudi la scheda di Facebook (ma sul serio la vuoi chiudere?) e leggi un quotidiano online per svagarti un po’ e preoccuparti di fatti che avvengono lontano da te, più lontano accadono meglio è e più coinvolgimento c’è, così avrai altri argomenti da condividere, postare su Facebook.
Intanto il pallino rosso delle notifiche ti dice “4” e e vai subito a vedere chi ha scritto il commento, chi ha messo “mi piace”, chi ha messo il cuoricino, la faccina arrabbiata, la faccina che ride.
In chat è arrivato uno sconosciuto che ti ha scritto: “Hai visto cosa è successo in Busdalkulistan?”.
Leggi.
E’ terribile.
Inizia a preoccuparti e pensi che sia meglio parlarne al più presto, condividere un link, raccontare con parole tue di questi tragici avvenimenti, mostrare preoccupazione, informare gli “amici” con una narrazione efficace.
Il tuo corpo ti dice: “Io avrei una certa fame“.
Guardi l’orologio in basso a destra dello schermo.
«Cazzo! Sono le 13.45».
E vai a mangiare.
Però bio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapianti, sono due milioni gli italiani che hanno registrato la volontà di donare gli organi

prev
Articolo Successivo

Carnevale di Viareggio, dall’orlo del baratro alla resurrezione: salvo grazie ai carristi che hanno anticipato i soldi

next