“Sono 20 anni che parliamo di centinaia di migliaia di colpevoli liberi di tornare a delinquere, perché è passato troppo tempo”. Così il direttore de il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, a Otto e mezzo (La7) sulla riforma della giustizia: “Possibile che in 20 anni, cambiando tutte le maggioranze non si sia trovato il tempo di trovare una legge che blocca la prescrizione nel momento del rinvio a giudizio?”. Il direttore fa comunque presente che il caso Consip non è un problema che riguarda la giustizia, ma di illegalità che coinvolgono tutti gli uomini più vicini dell’ex premier Matteo Renzi .”E’ un problema della politica e dell’impresa che fanno le stesse cose di 25 anni fa“. Sottolinea Travaglio, che aggiunge: “Questo è il vero problema di Renzi che, dopo aver promesso di cambiare questi problemi, ci si ritrova con tutto il cucuzzaro infilato dentro, ma il fatto di ritrovare il padre del presidente del consiglio a fare affari con chi gli affari li fa con il Governo, questo è un caso di scuola di conflitto d’interessi impressionante. Se Renzi avesse letto gli articoli del Fatto, sarebbe dovuto andare dal padre a chiedergliene conto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vitalizi, Di Battista (M5s): “Vogliamo legge Fornero anche per i parlamentari, così la cambiano per i cittadini”

prev
Articolo Successivo

Consip, Meli (Corriere) vs Di Nicola (Il Centro) e Fittipaldi (L’Espresso): “La gente viene sputtanata e voi giocate con la loro vita”

next