Il reddito di cittadinanza proposto dal M5S? In realtà, è un reddito minimo garantito. E sapete cosa è? Sono le riforme Hartz, sono i mini-job, cioè dare pochi soldi alle persone, fissando al minimo il livello del salario di riserva, concetto che chi è a sinistra dovrebbe conoscere, con il ricatto“. Così a Coffee Break (La7) l’economista Alberto Bagnai stigmatizza il reddito di cittadinanza, rispondendo all’esponente di Campo Progressista, Marco Furfaro, che invece si dichiara favorevole. “Il reddito minimo garantito” – spiega Bagnai  “è il modello adottato dalla Germania per prima, grazie a un simpatico ministro del Lavoro, Peter Hartz, che era il responsabile delle relazioni industriali sindacali della Volkswagen e aveva una serie di interessanti hobby, come andare a trans coi sindacalisti. E lui ha imposto all’Europa un modello di svalutazione del lavoro“. “Chi non ha lavoro come fa allora?”, replica Furfaro. “Chi non ha lavoro ha un sussidio di disoccupazione e ha una casa finché non gliela togliete con la patrimoniale per finanziare il reddito di cittadinanza“, ribatte Bagnai. Il docente universitario si sofferma anche sull’euro: “Se l’euro è solo una moneta, perché il capitale e i giornali del capitale la difendono così ferocemente? Ricordiamo la Grecia. Furfaro stava ne L’Altra Europa con Tsipras. Cosa ha imparato Furfaro dal crollo e dalla umiliazione di quel Paese? Ha imparato che l’euro è solo una moneta e che la Bce può mettere in ginocchio una intera popolazione senza rispondere a nessuno?”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, Fanucci (Pd) sclera con Toninelli (M5s): “Vostra proposta per abolizione? Voi non avete votato mai una sola cosa nostra”

next
Articolo Successivo

Consip, Lillo: “Totale disinteresse di stampa e tg”. Giannini (Repubblica): “Lode al Fatto, facciamo ammenda”

next