L’accordo tra il Comune di Roma, la società di calcio del presidente statunitense James Pallotta e il costruttore del nuovo impianto sportivo è stato trovato, anche se ci sono stati dei cambiamenti di rilievo rispetto al progetto originario, come il dimezzamento delle cubature e l’eliminazione delle maxi torri previste in un primo momento. Sulla costruzione del nuovo stadio che sarà di proprietà del club giallorosso era intervenuto anche Beppe Grillo “i problemi saranno risolti, la decisione spetta alla Giunta di Virginia Raggi. La decisione è vostra, non fatevi influenzare dalle pressioni esterne”.

Oltre alla dirigenza americana della AS Romail 6 febbraio scorso si era espresso a favore del nuovo impianto nell’area dell’ex ippodromo a Tor di Valle anche Francesco Totti rilanciando le parole pronunciate dall’allenatore giallorosso Luciano Spalletti (video) con l’hashtag #famostostadio, rivolto al primo cittadino della Capitale. “Vogliamo il nostro Colosseo moderno, una struttura all’avanguardia per i nostri tifosi e per tutti gli sportivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, attacco record: mai 60 gol dopo 25 giornate di Serie A. E senza Higuain

next
Articolo Successivo

Donnarumma compie 18 anni e apre suo sito web. Montella: “Gli auguro di ripetere la carriera di Buffon”

next