Ivan Cicconi, ingegnere esperto di infrastrutture e di appalti pubblici, è morto nella notte a Fermo. È stato blogger e collaboratore del Fatto Quotidiano il titolo del suo ultimo lavoro, pubblicato a puntate dal nostro sito è Il libro nero dell’alta velocità. È stato direttore dell’Associazione Nazionale Itaca, Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale, organo tecnico della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Province autonome. Dal 2010 è stato consulente della Comunità Montana Valdisusa-Valsangone per il progetto TAV/TAC Torino-Lione. Dal 2013 è stato Membro del Comitato regionale per la trasparenza degli appalti e la sicurezza nei cantieri della Regione Lombardia. Tanti i messaggi di cordoglio sulla sua bacheca Facebook. Tra i tanti che hanno voluto esprimere cordoglio per la sua morte anche l’ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani: “Caro Ivan, non riesco a crederci. Ricordo la strada che abbiamo fatto insieme da Quasco a Itaca. Sei stato uno davvero perbene. Ciao”. La redazione abbraccia i suoi famigliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio della Roma, un progetto discutibile e un regalo ai privati

next
Articolo Successivo

Carnevale di Venezia, volo dell’angelo baciato dal sole in una piazza San Marco gremita

next