Un ragazzo di 16 anni si è gettato dal balcone mentre a casa sua, in presenza della madre, era in corso una perquisizione della Guardia di Finanza. È successo nel primo pomeriggio a Lavagna, paese a sud di Chiavari, nel Levante ligure. Soccorso ancora in vita, il giovane è morto mentre stava per essere trasferito in elicottero al pronto soccorso dell’ospedale San Martino di Genova.

Secondo quanto appreso, il giovane aveva confessato ai militari di possedere 10 grammi di hashish durante un controllo all’uscita dal liceo. A quel punto, come è previsto, i finanzieri avvisano i genitori per convocarli a casa poiché deve essere eseguita una perquisizione. I due militari, secondo una prima ricostruzione riportata da Repubblica, stavano parlando con i genitori dopo che la perquisizione a casa aveva dato esito negativo, quando il ragazzo ha aperto la finestra e si è lanciato dal terzo piano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, una valanga a Tignes uccide 4 persone. Il giallo del numero delle vittime per un elenco della scuola sci

next
Articolo Successivo

Milano, si slaccia cintura e si lancia da auto: 17enne travolta e uccisa da tir

next