Anche gli incapienti potranno beneficiare del credito d’imposta previsto per chi deve riparare o ricostruire la propria casa o la propria azienda danneggiata dal sisma. A sancirlo è l’Agenzia delle Entrate nelle istruzioni per fruire dei contributi messi in campo dalla legge di Bilancio per il 2017. Il provvedimento scongiura il rischio che molti residenti nelle zone del Centro Italia restino a bocca asciutta perché guadagnano talmente poco (meno di 8mila euro l’anno) da essere esentati dal pagare le tasse, con l’effetto collaterale che non beneficiano dello sgravio Irpef. La nota stabilisce infatti che chi chiede alla banca il finanziamento necessario per i lavori di ricostruzione possa usare il credito di imposta per pagare la rate, mentre l’istituto può a sua volta portarlo in compensazione nel modello F24.

“Allo scopo di favorire la massima diffusione, è previsto che non si applichino i limiti di compensabilità previsti dalla normativa vigente”, aggiunge la nota firmata dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, che specifica anche come il credito di imposta sia “pari all’importo ottenuto dalla banca, sommando ad esso sia gli interessi dovuti sia le spese di gestione strettamente necessarie”.

Riguardo ai tempi, la compensazione è esercitata a partire dal giorno successivo alla scadenza di ogni singola rata di restituzione del finanziamento. Il finanziatore deve comunicare alle Entrate in via telematica gli elenchi dei soggetti beneficiari, l’ammontare dei finanziamento concesso, il numero e l’importo delle singole rate e i dati di eventuali risoluzioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parmalat, collegio sindacale: “Ci sono presupposti per chiedere 4,3 milioni di danni a Lactalis e manager del gruppo”

prev
Articolo Successivo

Genova, consiglio boccia fusione società dei rifiuti: per sindaco Doria ipotesi dimissioni

next