Sette condanne tra gli 8 mesi e gli 8 anni. Si è concluso così il processo per la gestione degli appalti pubblici e la concessione di stabilimenti balneari sul litorale di Ostia a partire dal 2012. Alla maggior parte degli imputati è stata riconosciuta l’aggravante di aver agito con il metodo mafioso. Condannato a 5 anni e 8 mesi Armando Spada, esponente dell’omonimo clan vicino a quello dei Fasciani. Tra gli episodi contestati dagli inquirenti anche l’affidamento di uno stabilimento balneare riconducibile agli Spada.

La pena maggiore, otto anni e sei mesi di reclusione, è stata inflitta ad Aldo Papalini, ex direttore dell’ufficio tecnico e dell’unità operativa ambiente del Municipio XIII, ritenuto personaggio chiave nell’affidamento di appalti pubblici a ditte compiacenti. I giudici dell’ottava sezione del tribunale presieduti da Paola Roja hanno inoltre condannato Cosimo Appeso (cinque anni e cinque mesi), luogotenente della Marina Militare Italiana; Ferdinando Colloca, Damiano Facioni, amministratore della società Bludream e Matilde Magni, moglie di Appeso (tutti a tre anni e quattro mesi), e l’imprenditore Angelo Salzano (otto mesi con sospensione della pena).

Gli imputati erano stati rinviati a giudizio per reati che andavano dall’abuso d’ufficio alla turbativa d’asta, dal falso ideologico e concussione, alla corruzione, in diversi casi con l’aggravante del metodo mafioso. Condanne più pesanti di quelle inflitte erano state chieste dai pubblici ministeri Mario Palazzi e Ilaria Calò. Ad esempio per Papalini i magistrati dell’accusa avevano sollecitato una condanna a 17 anni e 6 mesi di reclusione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marina militare Taranto, l’inchiesta sulle tangenti si allarga alle basi di Roma e La Spezia: altri 4 arresti

next
Articolo Successivo

Maroni a processo, il sindaco di Milano Sala: “Mai autorizzata trasferta Paturzo”

next