“Era arrivato ieri sera, il Comandante Generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi, per ricevere l’ordine della Minerva, che ci aveva fatto l’onore di accettare. Poi però, per impegni urgenti, e per il richiamo del Capo dello Stato, è dovuto ritornare improvvisamente a Roma”. Parola di Carmine di Ilio, rettore dell’Università Gabriele D’annunzio di Chieti e Pescara, che giovedì mattina ha inaugurato il nuovo anno accademico. In realtà i fatti stanno diversamente e se Di Ilio ieri avesse letto il Fatto Quotidiano, sarebbe stato più preciso, nel raccontare la defezione di Toschi.

È vero che il chietino Giorgio Toschi, comandante della Guardia di Finanza, la mattina del 26 gennaio avrebbe dovuto ricevere nella sua città natale un riconoscimento prezioso: l’Università d’Annunzio gli avrebbe dovuto conferire, con annessa medaglia d’oro, l’onore di appartenere all’Ordine delle Minerve. Ma qualcosa non è andata per il verso giusto. La sera del 25 il Fatto Quotidiano ha contattato fonti interne al Comando generale della Gdf per rivolgere a Toschi una domanda elementare: è opportuno che Toschi venga insignito dall’università guidata dal rettore Carmine di Ilio? C’è infatti un dettaglio che rende imbarazzante la vicenda. Di Ilio è coinvolto in un’indagine per truffa e abuso che riguarda proprio l’università chietina. E a chi sono affidate le indagini? Alla Guardia di Finanza.

E cosa viene in mente al rettore Di Ilio nel novembre 2016? Comunica al Senato accademico che il 26 gennaio intende conferire il premio a Carmela Remigio, cantante di opera lirica di fama internazionale, e a Giorgio Toschi. Pochi minuti dopo arriva la risposta: “Sapevo dell’inchiesta – ci fa sapere il Comandante generale – e ho avviato degli accertamenti interni per valutare fino all’ultimo la possibilità di partecipare. La vostra domanda mi conferma la criticità della situazione: intendo rinunciare al premio, che pure da cittadino abruzzese avrei molto gradito, ma mio malgrado, per il ruolo istituzionale che rivesto, e le indagini in corso, per me non è opportuno ritirarlo”. Nessun impegno urgente. Nessun richiamo del presidente Mattarella. Ragioni di opportunità. Per le indagini in corso. Qualcuno avverta il magnifico rettore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Dna non visibile? Uno spettro si aggira per le aule di giustizia

next
Articolo Successivo

Giustizia, Pg di Milano: “Amministrazione al collasso. Gravi infiltrazioni mafiose in Fiera”

next