Facevano sesso a bordo di una vettura in aperta campagna di notte. A fari spenti, si concedevano qualche momento di intimità lontano dal centro abitato . Niente di strano se non fosse che la vettura altro non era che un autobus del servizio pubblico. E l’uomo e la donna sorpresi a fare sesso a bordo erano due autisti della municipalizzata dei trasporti che in quel momento dovevano essere in servizio. È successo a Bari dove – come racconta Serena Russo sul Corriere del Mezzogiorno – nel 2014 i dirigenti dell’Amtab – municipalizzata che gestisce il trasporto pubblico cittadino (nella foto dal sito, due autobus di servizio) – avevano deciso di utilizzare gli investigatori aziendali per indagare sui protagonisti di questa storia, accusati di comportamenti poco trasparenti. E quindi sorpresi dai carabinieri mentre trascorrevano qualche momento di intimità, a bordo dell’autobus, durante l’orario di servizio.

“Dagli atti depositati dagli investigatori in azienda risultava chiaro come i due facessero che diavolo volevano”, racconta Aldo De Robertis, in quel periodo direttore generale della partecipata. Corse saltate, passeggeri fatti scendere prima del tempo e soste troppo lunghe ai capolinea: con queste motivazioni  il cda di Amtab ha deciso di licenziare i due dipendenti.  L’uomo, però, decide d’impugnare per due volte il provvedimento. E il giudice del secondo reclamo impone una conciliazione: lo scorso dicembre, l’autista è stato nuovamente assunto, anche  se gli verrà applicata la sanzione immediatamente inferiore al licenziamento. E questa volta farà più attenzione a scegliere il capolinea delle sue corse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Contin, identificati gli altri due preti che partecipavano alle orge in canonica

next
Articolo Successivo

Vaccini, accordo tra Stato e Regioni per renderli obbligatori per accedere a nido e scuola materna

next