Scoperto il timer molecolare dell’invecchiamento: si tratta della proteina Tzap, che si lega alle estremità’ dei cromosomi delle cellule agendo come un vero e proprio ‘barbiere’ per regolarne la lunghezza. La scoperta, che potrà aiutare a controllare i processi di degenerazione cellulare legati all’età e ai tumori, è pubblicata sulla rivista Science dal gruppo dell’italiano Eros Lazzerini Denchi, dello Scripps Research Institute di La Jolla, in California.

Le estremità dei cromosomi, i cosiddetti telomeri, ”rappresentano l’orologio della cellula”, spiega Lazzerini Denchi. ”Noi nasciamo con i telomeri di una certa lunghezza e, ogni volta che la cellula si divide, i telomeri si accorciano un po’. Quando diventano troppo corti, la cellula non può più dividersi” e inizia così il processo di invecchiamento. ”Questo orologio cellulare – sottolinea l’esperto – deve essere finemente regolato”, per due motivi: da un lato, deve permettere un numero sufficiente di divisioni cellulari per garantire lo sviluppo dei diversi tessuti dell’organismo e il loro rinnovo; dall’altro lato, invece, deve evitare che avvenga una proliferazione incontrollata, tipica delle cellule tumorali.

La chiave di tutto è la proteina Tzap, ”che determina la lunghezza massima dei telomeri – precisa Lazzerini Denchi – permettendo alla cellula di proliferare, ma non troppo”. Come un premuroso barbiere, Tzap si lega ai telomeri che restano un po’ troppo lunghi e li regola, dando una ‘spuntatina’ solo quando necessario per evitare che aprano la strada al cancro.

L’articolo su Science

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco la mappa della medicina “sbagliata”, un quarto delle prestazioni inopportuno

next
Articolo Successivo

Buchi neri, “così si sono formati poco dopo il Big Bang quelli supermassicci”

next