Per la procura di Milano è un caso chiuso. Secondo i magistrati, la morte dello studente padovano di 19 anni, Domenico Maurantonio, precipitato dalla finestra di un hotel mentre con i cuoi compagni di liceo era in gita a Expo, la notte tra il 9 e il 10 maggio 2015, fu un incidente. Per questo i pm hanno chiesto l’archiviazione dell’inchiesta.

La decisione è stata presa dopo l’esito della maxi-consulenza tecnica commissionata a tre esperti e da cui non è emersa alcuna traccia di altre persone, quella notte nel corridoio dell’hotel Da Vinci di Bruzzano, con lo studente che aveva bevuto molto.

Conclusioni diverse rispetto a quelle di una consulenza svolta dagli esperti della famiglia Maurantonio i quali ipotizzavano la presenza di almeno un’altra persona. Alla luce di queste contraddizioni i pm Giancarla Serafini e il procuratore aggiunto Alberto Nobili avevano chiesto al gip di disporre una perizia. Richiesta non accolta e gli atti erano stati restituiti alla Procura che ora ha chiesto l’archiviazione del procedimento per omicidio colposo rimasto sempre contro ignoti. Appare scontata l’opposizione del legale della famiglia e la questione tornerà all’attenzione del gip il quale deciderà se disporre l’archiviazione o nuove indagini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torre piloti di Genova, il pm: “La Messina trascurò problemi alla flotta, il consigliere Olmetti da condannare a 17 anni”

next
Articolo Successivo

Mose, patteggia per corruzione e viene licenziata: per il giudice civile va risarcita con 1,3 milioni

next