Yahoo, il gruppo dei servizi internet nato nel 1994, cambia nome in Altaba e perde l’amministratore delegato Marissa Meyer. La svolta arriva dopo il caso degli attacchi hacker alla sua rete, che nei mesi di settembre e dicembre hanno colpito un totale di 1,5 miliardi di utenti, e sarà operativa una volta conclusa la vendita delle sue attività internet (compresa la posta elettronica) a Verizon per 4,8 miliardi di dollari.

Fuori dall’accordo con Verizon resta la partecipazione di Yahoo nel gruppo cinese Alibaba (15%) e in Yahoo Japon. Il nuovo nome scelto dalla società, che compare nei documenti presentati all’autorità di controllo sulla borsa Usa (la Sec) deriva proprio dalla crasi tra Alibaba e “alternate”, “alternativa”. A significare, secondo il Washington Post, che le azioni Altaba saranno una valida alternativa a quelle di Alibaba per gli investitori.
La società ha anche annunciato che, a cessione completata, il consiglio di amministrazione sarà ridotto a cinque membri dagli undici attuali. Oltre a Mayer, lascerà la direzione anche uno dei cofondatori di Yahoo, David Filo. Il presidente di Altaba sarà Eric Brandt, che andrà a sostituire Maynard Webb.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Popolari venete, niente salvataggio se non si liberano del rischio legale. Sul piatto 600 milioni per placare i soci

next
Articolo Successivo

Auto, Toyota: “10 miliardi di investimenti negli Stati Uniti”. Stampa giapponese: “Cercano il favore di Trump”

next