Dopo un anno di trattative, anche Google sta per firmare un accordo con l’Agenzia delle Entrate per chiudere il contenzioso relativo a tasse non pagate tra il 2009 e il 2013. Secondo Repubblica il gruppo di Cupertino verserà al fisco italiano tra i 270 e i 280 milioni di euro: una cifra più alta di quanto si era ipotizzato un anno fa, quando la procura di Milano ha aperto un’inchiesta per dichiarazione fraudolenta contro cinque manager di Google Italy e Google Ireland limited che secondo i pm hanno omesso di dichiarare l’Ires per gli esercizi dal 2009 al 2013. Dopo quella data, la posizione dell’azienda è stata regolarizzata.

I tre avrebbero nascosto al fisco italiano un totale di 800 milioni di euro, evadendo 95 milioni di imposte. Questo sfruttando lo stesso meccanismo utilizzato da Apple, che a sua volta ha chiuso un analogo contenzioso con il fisco nel dicembre 2015 versando 318 milioni: secondo l’accusa i ricavi realizzati in Italia venivano imputati alla struttura irlandese come royalties facendo figurare Google Italy come “mero consulente“. Per di più, riporta il quotidiano del gruppo Espresso, la sede di Dublino aveva “residenza ai fini fiscali alle Bermuda“. Così la multinazionale riduceva moltissimo il carico fiscale. Ma i pm ritengono che Google Italia fosse in realtà una “stabile organizzazione occulta direttamente asservita agli interessi economici del gruppo”.

La trattativa tra Cupertino e le Entrate è andata avanti per un anno e ora, scrive Repubblica, è alle battute finali. Una volta chiuso il contenzioso, i manager sotto inchiesta avrebbero intenzione di chiedere il patteggiamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto, Toyota: “10 miliardi di investimenti negli Stati Uniti”. Stampa giapponese: “Cercano il favore di Trump”

prev
Articolo Successivo

Merrill Lynch: “Anche Draghi ha ceduto al populismo. Quest’anno quantitative easing ridotto e spread in aumento”

next