Dieci anni fa, il 9 gennaio 2007, dal palco del MacWorld Steve Jobs annunciava un dispositivo che avrebbe rivoluzionato il mondo della telefonia mobile: l’iPhone. La scheda tecnica, per il tempo da urlo, comprendeva uno schermo touch da 3,5″ (risoluzione 320×480), CPU ARM da 412MHz, memoria interna da 4/8/16GB, una fotocamera da 2Mpixel, WiFi e Bluetooth, con l’unica pecca da ricercarsi nel comparto telefonico che non prevedeva l’utilizzo delle reti 3G (cosa corretta con la seconda generazione).

Il mercato degli smartphone da allora è cambiato tanto, vedendo l’ingresso di molti nuovi produttori, ed Apple ha dovuto evolvere man mano il proprio prodotto a volte guidando i cambiamenti, altre inseguendo quelli altrui. Nella gallery in alto potrete seguire l’evoluzione dell’iPhone negli ultimi 10 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

CES 2017: LG, Samsung e Sony presentano nuove TV sempre più sottili e smart. Il curvo è già sulla via del tramonto

next
Articolo Successivo

Musei, se i Commodore 16 diventano oggetti da collezionare

next