Non si ferma la caccia al terrorista che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone nella discoteca Reina di Istanbul. L’uomo che la tv di Stato turca Trt aveva identificato come il killer, Iakhe Mashrapov, 28enne con passaporto del Kirghizistan, in un’intervista rilasciata all’agenzia kirghisa Akipress ha negato ogni coinvolgimento. Sostiene di essere stato scambiato per l’attentatore a causa di una somiglianza, ma spiega di essere stato rilasciato dalla polizia dopo un controllo all’aeroporto di Istanbul. La notte della strage, del resto, si trovava in Kirghizistan (leggi l’articolo integrale).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, poliziotto investe uomo armato di coltello. Ma nega l’uso eccessivo della forza

next
Articolo Successivo

Usa, Assange: “L’amministrazione Obama accusa hacker russi di aver influenzato le elezioni per screditare Trump”

next