Non si ferma la caccia al terrorista che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone nella discoteca Reina di Istanbul. L’uomo che la tv di Stato turca Trt aveva identificato come il killer, Iakhe Mashrapov, 28enne con passaporto del Kirghizistan, in un’intervista rilasciata all’agenzia kirghisa Akipress ha negato ogni coinvolgimento. Sostiene di essere stato scambiato per l’attentatore a causa di una somiglianza, ma spiega di essere stato rilasciato dalla polizia dopo un controllo all’aeroporto di Istanbul. La notte della strage, del resto, si trovava in Kirghizistan (leggi l’articolo integrale).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, poliziotto investe uomo armato di coltello. Ma nega l’uso eccessivo della forza

prev
Articolo Successivo

Usa, Assange: “L’amministrazione Obama accusa hacker russi di aver influenzato le elezioni per screditare Trump”

next