Fioriere antisfondamento e tiratori scelti a Roma, agenti in borghese con speciali smartphone a Milano. Dopo l’attentato ai mercatini di Natale di Berlino del 19 dicembre e l’uccisione dell’attentatore Anis Amri nel Milanese, le due grandi città italiane si preparano al Capodanno con nuove e particolari misure di sicurezza anti-terrorismo. “La guardia è altissima”, ha ammesso da Arquata del Tronto il ministro dell’Interno Marco Minniti. “Il nostro sistema di sicurezza anche nella vicenda di Amri ha dimostrato di essere un sistema che nella sua normalità funziona. In questo momento è tutto in campo, con l’obiettivo di garantire la massima tranquillità a tutti gli italiani a Capodanno. È chiaro – ha concluso Minniti – che non abbassiamo la guardia neppure per un attimo”.

Roma – Nella capitale il questore Nicolò D’Angelo ha previsto un piano articolato su 24 ore, che metterà in campo tiratori scelti, pattuglie a cavallo e poliziotti in bicicletta per garantire la sicurezza durante le iniziative di Capodanno. Il piano, dalle 19 del 31 dicembre, prevede il presidio di tutte le maggiori piazze di Roma, con particolare attenzione a piazza Venezia, piazza di Spagna, piazza Navona, Campo dè Fiori, piazza del Popolo, Fontana di Trevi, Gianicolo ed Eur. A San Pietro sarà ancora in vigore lo specifico piano di sicurezza adottato per l’anno giubilare. Oltre mille agenti delle forze dell’ordine, in uniforme e in abiti civili, vigileranno tra la gente. In più, dalle 3 del 1° gennaio il tratto di Lungotevere, da ponte Garibaldi a ponte Sant’Angelo, sarà totalmente pedonalizzato per gli eventi della ‘Festa di Roma’ sui quattro ponti presenti in quel tratto. All’inizio della pedonalizzazione sono previste fioriere antisfondamento, mentre per ciascun ponte ci saranno controlli di polizia, anche con metal detector.

Milano – Nel capoluogo lombardo saranno in servizio 214 agenti della polizia locale dalla sera del 31 dicembre al mattino del primo gennaio. Di questi, spiegano dal Comune, 75 saranno in piazza Duomo, dove è in programma il concerto di Mario Biondi e Annalisa. E ci sarà anche una novità tecnologica, come ha spiegato il questore Antonio De Iesu: “Avremo 40 agenti in borghese in giro per la città con degli smartphone di ultimissima generazione che utilizzano la tecnologia Lte e che ci permetteranno di vedere in diretta nella nostra sala operativa quello che accade in un certo luogo direttamente da chi si trova sul posto”. “È una tecnologia che opera su piattaforma Telecom – ha spiegato il questore – che attiviamo solo in occasione di grandi eventi e grazie a una parte esclusiva della banda di trasmissione ci permette di avere immagini nitide senza soffrire del sovraccarico della rete”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

2016, un addio lungo un anno. Ecco chi ci ha lasciato, un video-ricordo attraverso le loro parole

next
Articolo Successivo

Guerra dei gamberi in Liguria, i pescatori di confine: “Se il Governo ratifica l’accordo con la Francia chiudiamo tutti”

next