Ponte di Nona, estrema periferia Est di Roma, è uno dei punti di riferimento per il traffico di droga nella Capitale. Nelle strade del popolare quartiere le telecamere di ‘Italia‘ di Michele Santoro incontrano Dario e la mamma: due spacciatori che, per anni, non si sono fatti scrupoli a vendere la droga. Dario, che ha scontato 6 anni di carcere, si racconta: “Economicamente non stavamo bene. Non c’era lavoro. Non sono capace né di rubare né di fare male alle persone. Dicono che – aggiunge – sono soldi facili quelli che arrivano dalla droga, ma non è così. La notte non riuscivo a chiudere occhio”. La mamma aggiunge: “Il figlio ha fatto la stessa cosa della madre. Non c’era lavoro. Sono arrivata qui nel quartiere quando avevo 40 anni e mi sono sporcata. Però non è facile spacciare, perché ti senti in colpa”. Poi una battuta sulla politica da parte della mamma: “Non la seguo, sono tutti papponi“.
Rivedi la seconda puntata integrale di ‘Italia‘ dal titolo ‘La botta‘ sul sito di Servizio Pubblico

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italia, così ‘Aloha’ sniffa cocaina a Tor Bella Monaca e sfida le forze dell’ordine

prev
Articolo Successivo

Italia, padre Zanotelli: “Periferie degradate? Arresterei i politici”

next