Tor Bella Monaca è uno dei punti di riferimento per il traffico di droga nella Capitale. Nelle strade del popolare quartiere le telecamere di ‘Italia‘ di Michele Santoro incontrano Gaspare Esposito, detto Aloha, un pregiudicato per reati legati al traffico internazionale di stupefacenti e legato in passato alla Banda della Magliana. “Mi hanno arrestato mentre trasportavo 153 chilogrammi di cocaina – afferma ai microfoni di Dina Lauricella poco dopo aver sniffato della cocaina tra la gente al mercato -, mi sono fatto 12 anni di carcere. Oggi chi comanda il traffico qui a Tor Bella Monaca? Ex della Banda della Magliana? Non lo so, ci sono dei giovani, cani sciolti“. Poi entriamo a riprendere nella palazzina dove vive con la sua famiglia. “Qui crolla tutto e ci abitano tre minori – continua – un giorno darò fuoco al palazzo, così finalmente mi sentiranno”.
Rivedi la seconda punta integrale dal titolo ‘La botta’ sul sito di Servizio Pubblico

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia, così si muore ammazzati a Ponte di Nona: la storia di Fabrizio e Mirko

next
Articolo Successivo

Italia, Dario e Silva: la storia di madre e figlio ex spacciatori a Ponte di Nona

next