Le telecamere di ‘Italia‘ di Michele Santoro ci portano dentro la storia di due giovani romani uccisi a colpi di pistola, Fabrizio Ventre e Mirko Scarozza, in via Raoul Follerau. “Colpa della droga? Ma che cazzo o state dicendo, c’è di mezzo una donna”, dichiara la madre di Fabrizio Ventre. Che aggiunge: “Mio figlio mi manca ogni giorno, ma chi dice che c’è la droga di mezzo dice il falso”. “Mi amava alla follia come io gliene ho voluto”, racconta Martina, la ragazza di 24 anni che da Fabrizio ha avuto due figli. “Poi – prosegue – è successo quello che è successo. Oggi chi mi aiuta? I genitori di Mirko e un po’ ce la faccio col mio lavoro saltuario di estetista”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia, Roberto Saviano: “Il modello Scampia colonizza le periferie d’Italia”

next
Articolo Successivo

Italia, così ‘Aloha’ sniffa cocaina a Tor Bella Monaca e sfida le forze dell’ordine

next