“Al referendum non abbiamo perso. Abbiamo straperso”, ammette Matteo Renzi in apertura dell’assemblea nazionale del Partito Democratico. E ancora: “Chi fa giri pindarici per dire che abbiamo preso un sacco di voti, dnon dice che il 41% è una sconfitta netta”. Ma il segretario dem attacca anche il fronte del No: “Ho letto nella campagna elettorale degli amici del No che in sei mesi avrebbero fatto una riforma più bella. Sono passati i primi 15 giorni. Aspettiamo gli altri e vediamo se questo Paese sarà condannato alla palude istituzionale, come noi pensiamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi: ‘Straperso al Sud e tra i giovani. Legge elettorale? Propongo Mattarellum’. E Giachetti insulta Speranza

next
Articolo Successivo

Rimpasto giunta Raggi, Marino: “Un comico di Genova decide chi governa la città. Ulteriore ferita per la democrazia”

next