La seconda puntata di Italia di Michele Santoro si svolge tra le periferie romane di Ponte di Nona e Tor Bella Monaca, luoghi abbandonati dove si annida quella rabbia, frustrazione e rifiuto per le classi dirigenti che hanno portato in massa a votare “No” al referendum (quasi il 70% in questi quartieri). Una “botta”, come la “botta” che arriva dopo il primo tiro di cocaina.Il tema del reportage è come le periferie romane stiano prendendo sempre più le sembianze di quelle napoletane, con piazze di spaccio a cielo aperto e il traffico di droga come unico welfare per un intera popolazione lasciata fuori da tutto, dal lavoro, dall’istruzione, dalla vita. Protagonisti: Roberto Saviano, il giornalista Gad Lerner, padre Alex Zanotelli, con la partecipazione di Giulia Innocenzi, con le “incursioni” dal web, e il ritorno di Vauro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia, Tor Bella Monaca: così si confezionano le dosi di cocaina

next
Articolo Successivo

Italia, Roberto Saviano: “Il modello Scampia colonizza le periferie d’Italia”

next