Qualche tempo fa, avevamo passato in rassegna i mezzi alternativi per accompagnare a scuola i propri figli. Scuolabus, carpooling, mezzi pubblici, biciclette e qualt’altro. Ce n’è però uno che si sta facendo strada più che altro nella testa, visto che nei fatti è ancora impossibile tecnicamente e legalmente, delle mamme europee: la guida autonoma.

Secondo un sondaggio realizzato dalla Penn Schoen Berland per conto di Ford, infatti, il 16% delle mamme del vecchio continente sarebbe disposto a mandare i propri figli a scuola su un’auto che si guida da sola. Il che, a pensarci bene, è una specie di rivoluzione, perché concettualmente si passa dalla diffidenza “tecnologica” degli ultimi tempi a un livello di confidenza tale da affidare la propria prole a una sorta di robot.

Non stupisce, dunque, che nel novero dei paesi dove è stata effettuata la ricerca a campione (5.000 gli intervistati in Germania, Gran Bretagna, Francia, Spagna e Norvegia) non figuri l’Italia, dove tradizionalmente c’è un pò più di apprensione riguardo a certi temi.

Comunque sia gli automobilisti europei, a ulteriore domanda su come gestirebbero il proprio tempo nei tragitti a bordo di una self driving car, hanno risposto con idee abbastanza chiare: l’80% di loro rilassandosi e godendosi il panorama, il 72% chiaccherando al telefono in tutta sicurezza (alcuni lo fanno già ora, pericolosamente) e il 64% mangiando qualcosa. A seguire, altre attività gettonate sono pure leggere un libro, guardare un film, navigare su internet e dormire. Stai a vedere che tra dieci anni prenderemo la macchina per riposarci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Albero di Natale, ecco come trasportarlo in macchina evitando la multa

next
Articolo Successivo

Mercedes, accordo coi lavoratori. “200 euro di bonus a chi non si ammala”

next