La cerimonia della campanella, che segna simbolicamente il passaggio di consegne tra gli inquilini di Palazzo Chigi, negli ultimi sei anni ha visto protagonisti molto diversi, dando vita a situazioni radicalmente differenti tra loro. Dall’approccio scherzoso di Silvio Berlusconi, che il 16 novembre del 2011 ha voluto tenere ancora una volta la scena con un divertito Mario Monti, fino al gelo imbarazzante che ha caratterizzato la cerimonia del 22 febbraio 2014, quando Enrico Letta (tutt’altro che sereno) dovette cedere la campanella proprio a Matteo Renzi. Il passaggio di consegne tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, invece, è avvenuto all’insegna degli abbracci e dei baci a favore di telecamere. Poi il dono del presidente del Consiglio uscente al nuovo premier: la felpa di Amatrice

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gentiloni, Verdini resta a bocca asciutta e commenta sarcastico: “Lunga vita al governo”

prev
Articolo Successivo

Governo, il giuramento al Quirinale del premier Gentiloni e dei diciotto ministri

next