La cerimonia della campanella, che segna simbolicamente il passaggio di consegne tra gli inquilini di Palazzo Chigi, negli ultimi sei anni ha visto protagonisti molto diversi, dando vita a situazioni radicalmente differenti tra loro. Dall’approccio scherzoso di Silvio Berlusconi, che il 16 novembre del 2011 ha voluto tenere ancora una volta la scena con un divertito Mario Monti, fino al gelo imbarazzante che ha caratterizzato la cerimonia del 22 febbraio 2014, quando Enrico Letta (tutt’altro che sereno) dovette cedere la campanella proprio a Matteo Renzi. Il passaggio di consegne tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, invece, è avvenuto all’insegna degli abbracci e dei baci a favore di telecamere. Poi il dono del presidente del Consiglio uscente al nuovo premier: la felpa di Amatrice

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gentiloni, Verdini resta a bocca asciutta e commenta sarcastico: “Lunga vita al governo”

next
Articolo Successivo

Governo, il giuramento al Quirinale del premier Gentiloni e dei diciotto ministri

next