Era il 27 agosto 2014 e Angelino Alfano, all’epoca ministro dell’Interno, arrivò in ritardo all’incontro con il Commissario Ue agli Affari Interni Cecilia Malmström per discutere di immigrazione. Come testimonia un video già proposto su ilfattoquotidiano.it, l’attuale neo-ministro degli Esteri sfoderò un inglese claudicante per giustificare l’impasse che addusse al “uaind“, causa del rallentamento dell’atterraggio dell’aereo. E la pessima pronuncia inglese non passò inosservata alla svedese Malmström, che non si astenne dal bacchettarlo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Gentiloni quanto dura? Fate voi: senato già due volte senza numero legale”. Parola di verdiniano (Romano)

next
Articolo Successivo

Governo Gentiloni, le telefonate di Verdini a Renzi per l’esclusione. E il sospetto che all’ex premier convenga

next