La tragedia di Aleppo in Siria è tutta in questo filmato. Questo drone rilasciato dall’esercito siriano mostra la realtà devastante di quella che una volta era la sua più grande città, ormai ridotta in cenere mentre la popolazione è in fuga. I raid aerei nel centro della città e gli scontri intensi nel sud del settore orientale continuano ad essere segnalati a un ritmo allarmante. Il governo siriano di Assad ha riconquistato l’85% del versante orientale di Aleppo. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha assicurato che l’esercito siriano si è fermato, così da permettere l’evacuazione dei civili. Intanto, a Parigi, il Segretario di Stato Usa John Kerry descrive la situazione come la “peggiore catastrofe dalla Seconda guerra mondiale” – “Il bombardamento cieco da parte del regime di Assad – ha detto Kerry dopo la riunione dei 10 paesi occidentali e arabi che si oppongono a Damasco – “viola il diritto internazionale e in molti casi rappresenta un crimine contro l’umanità, un crimine di guerra che deve cessare”. Mentre a Ginevra è in programma una nuova riunione di natura tecnica tra americani e russi per tentare una soluzione. Si tornerà ad affrontare il tema del un cessate-il-fuoco e degli aiuti umanitari. Questo ennesimo tentativo è stato preceduto dall’adozione, a larga maggioranza dell’Assemblea generale dell’Onu, di una risoluzione che chiede una cessazione completa di tutti gli attacchi contro i civili in Siria, la fine degli assedi, e un accesso umanitario rapido, sicuro e incondizionato. Ciononostante, nuovi raid aerei nelle ultime ore hanno colpito gli ultimi quartieri orientali di Aleppo, rimasti sotto il controllo dei ribelli siriani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Schiaffi autoinflitti come punizione. Questi studenti cinesi pagano caro il ritardo a scuola

prev
Articolo Successivo

Turchia, l’esplosione in diretta Tv: giornalisti in fuga. La seconda esplosione nel video di tre ragazzi mentre suonano al parco

next