Gran clamore per gli share conquistati in questi giorni da Mentana, Gruber, Formigli e Floris a tutto beneficio di La7: sussulto o fenomeno strutturale? La risposta, cifre alla mano, è che Rai ha lasciato libero il campo a La7, che dagli e dagli sta occupando gli share grazie ai suoi format variamente modulati tra l’informazione e l’infotainment, nonché tra la pancia e la testa, come si usa dire oggi…

Nei tre giorni fatidici, quello del referendum e i successivi due delle connesse meditazioni sull’accaduto e le prospettive, La7, dalle 20 alle 24 è passata, rispetto ai giorni corrispondenti del dicembre 2015, dal 4% al 7,4%. E sì che su Rai al lunedì c’era Vespa, mica uno qualunque. E nella stessa fascia oraria SkyTg24 ha fatto, in proporzione, ancora meglio, passando da un inconsistente 0,195% a un ben più solido, considerando il format, 0,5% (mentre il corrispondente prodotto RaiNews24, perduto fra i canaletti, a malapena ha racimolato lo 0,4.

Fra l’altro, e qualcosa osservavamo una ventina di giorni fa, questo boom dei tre giorni è stato preceduto da un processo di lievitazione degli ascolti dei concorrenti dell’ex, ma non ancora destrutturato, duopolio commerciale RAI-Mediaset. Non fuoco di paglia, dunque, ma effetto di braci predisposte a far divampare il materiale informativo infiammabile: oggi il referendum, domani la catastrofe naturale, l’attentato eccetera.

Insomma, ad oggi, se capita qualcosa di grosso, la gente volta gli occhi verso Cairo e Murdoch, e non dalle parti del Servizio Pubblico. Che sconta, a nostro avviso, l’insopportabile ritardo con cui sta (?) procedendo alla riforma delle sue strutture giornalistiche. Perché qui la questione non sta nel fatto che hai perso Floris e acquisito Semprini, e tantomeno che gli spettatori soffrano perché Porro non sta più sul cavallo di Rai2. Anzi, delle tre reti Rai la seconda è quella che sta tenendo botta e anche migliorando sul piano degli ascolti. No, il problema è nella identità strategica dei canali.

Perché se Rai2 è diventata la rete di Mika, di Pechino Express eccetera, e posto che Rai Uno se la potrà sempre cavare, nonostante l’obsolescenza di Vespa, in quanto rete del Telegiornalone e della narrazione, oggi, alle soglie del 2017, non ha alcun senso che Rai Tre sia una rete “come le altre”. Lì è il vuoto “strutturale” che andrebbe colmato – altro che mettersi a rincorrere i conduttori altrui o cercare di inventarli su due piedi – offrendo costantemente news e approfondimenti. E’ vero, ci pare di avere letto che qualche idea al riguardo giri, tipo fondere l’attuale Rai News con la costellazione dei TG Regionali, per stravolgere l’oggi e finalizzarlo al domani, proprio sul Terzo Canale. Ma ovviamente non basta che le idee girino. Tocca anche rimboccarsi le maniche e metterle in pratica altrimenti sono prese in giro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Rai e quel piano di salvataggio per niente segreto che serve a stanare il confronto pubblico

next
Articolo Successivo

Mediaset, quale mai sarebbe la catastrofe se dalle mani di Piersilvio passasse in quelle di Piervincent?

next