Sì convinti, No convinti e ma anche tante decisioni sofferte. Queste le opinioni dei milanesi subito dopo aver votato al referendum costituzionale. C’è chi ha scelto solo per questioni di merito: “Questa riforma di Renzi vuole centralizzare i poteri, togliere le autonomie locali e non tiene in considerazioni i pareri dei cittadini”, racconta un sostenitore del No. “Io credo nei giovani e quindi voto Sì”, sostiene invece una signora di 73 anni. C’è chi poi dice che vota Sì per allontanare Luigi di Maio dalla presidenza del consiglio e chi vota No perché vorrebbe continuare ad eleggere direttamente i senatori. Ma in tanti hanno deciso di andare alle urne per paura: “Fino a ieri sera volevo votare No poi mi ha preso la paura”, ammette una signora appena uscita dal seggio. “Io ho deciso di votare Sì dopo le elezioni di Trump. Ho paura che in Italia vinca uno simile a lui”, sostiene un’altra donna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, “matita usata per votare era cancellabile”: segnalazioni da tutta Italia. Viminale: “Sono indelebili”

next
Articolo Successivo

La campagna referendaria più bella del mondo (e ci dispiace per gli altri che l’hanno vista in tv)

next