Le borse di studio non sono più solo per i “secchioni”. Grazie alla piattaforma European funding guide, nata in Germania da due ex studenti di dottorato, Mira Maier e Alexander Gassner, ora anche chi non ha raggiunto il voto più alto all’esame di Stato potrà avere un sostegno economico. Ciò che conta è la creatività dello studente non il profitto. L’obiettivo della Social start up che incrocia i profili degli studenti con i fondi a disposizione è proprio quello di puntare su coloro che non rientrano nel profilo tipico dei borsisti e di rendere più trasparente il mondo dei finanziamenti dell’Unione Europea.

I risultati: solo nel 2015 European Funding Guide è riuscita ad aiutare 2,8 milioni di maturandi e studenti di sedici Paesi facendo da mediatore di 184mila borse di studio per il valore di 662 milioni di euro. Troppi sono, infatti, i soldi che vanno persi: “In Italia – spiega Maier – esistono innumerevoli programmi di borse di studio ma la maggior parte dei maturandi e degli studenti conoscono a malapena l’offerta dell’agenzia per il Diritto allo studio universitario e non sanno che esistono oltre 3mila programmi. Dall’altra parte molti donatori si lamentano di non ricevere abbastanza candidature”. Il problema sembra essere proprio quello di far incontrare i due soggetti. Un compito che riesce bene a European Funding Guide che è ormai diventato il più grande portale di finanziamento studio in Europa con tanto di co-finanziamento della Commissione Europea.

Tutto nasce da un’organizzazione no-profit con sede in Germania (Its Initiative für transparente Studienförderung): attraverso un algoritmo, la sua piattaforma consente di trovare le migliori combinazioni tra richiedenti e borse di studio. Un portale che ha ricevuto diversi riconoscimenti a livello nazionale, come  “Germany – Land of Ideas selected location 2012”, “Those responsible 2014″ e “Start Social 2013/2014” con il patrocinio della cancelliera Angela Merkel.

Da lì il salto internazionale con il lancio della piattaforma europea. Un aiuto concreto a chi pensa di essere tagliato fuori dal percorso universitario solo perché non ha una famiglia che lo può sostenere o non ha passato la maturità col massimo dei voti. Per esempio, entro il 24 gennaio 2017 è prevista una borsa di studio per “disorientati” rivolta a tutti quei ragazzi italiani che non sono sicuri di aver intrapreso la via giusta e hanno bisogno di tempo per capire.

Per loro European Funding Guide ha messo a disposizione una borsa di studio che comprende un corso di inglese a San Diego di quattro settimane con tanto di viaggio di andata e ritorno, trasporto in aeroporto e “paghetta” di 500 euro oltre a vitto e alloggio in una famiglia. La piattaforma comprende borse di studio davvero curiose come quella per un semestre a Stellenbosch in Sudafrica da assegnare a “maturandi e studenti che emanano gioia di vivere, e non si lasciano sottomettere da nulla” o quella al Camp America di dodici settimane per chi ha “prestato un importante contributo alla società”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Perché non osare la democrazia ‘a sorteggio’, almeno nelle università?

prev
Articolo Successivo

Bonus 500 euro per i docenti: è caos. I musei: “Non ne sappiamo nulla”. Miur: “Novità assoluta, ci vuole tempo”

next