Genny ‘a carogna, soprannome di Gennaro De Tommaso, è stato condannato a dieci anni di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti. De Tommaso era diventato famoso quando, da capo ultrà, aveva “mediato” con i responsabili dell’ordine pubblico per stemperare il clima di tensione allo stadio Olimpico di Roma, dopo il ferimento del tifoso del Napoli Ciro Esposito, morto successivamente in ospedale. 

La sentenza è stata emessa dal gup di Napoli Livia De Gennaro. De Tommaso è stato condannato per traffico internazionale di stupefacenti, in riferimento ad un’inchiesta su importazione della droga dall’Olanda in cui sono coinvolti esponenti della camorra. Il pubblico ministero Michele Del Prete aveva chiesto 18 anni di reclusione.

Nel processo, celebrato con rito abbreviato, erano imputati anche alcuni familiari di De Tommaso: i due zii Giuseppe e Gaetano, condannati a 15 anni; il cugino Rosario a dieci anni di reclusione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Afghanistan, capitano morto suicida. Il padre: “Non ci credo. Sapeva che qualcosa non andava”

prev
Articolo Successivo

Venezia, arrestato con 3,2 kg di droga: aveva nascosto la cocaina in una pentola piena di miele

next