Genny ‘a carogna, soprannome di Gennaro De Tommaso, è stato condannato a dieci anni di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti. De Tommaso era diventato famoso quando, da capo ultrà, aveva “mediato” con i responsabili dell’ordine pubblico per stemperare il clima di tensione allo stadio Olimpico di Roma, dopo il ferimento del tifoso del Napoli Ciro Esposito, morto successivamente in ospedale. 

La sentenza è stata emessa dal gup di Napoli Livia De Gennaro. De Tommaso è stato condannato per traffico internazionale di stupefacenti, in riferimento ad un’inchiesta su importazione della droga dall’Olanda in cui sono coinvolti esponenti della camorra. Il pubblico ministero Michele Del Prete aveva chiesto 18 anni di reclusione.

Nel processo, celebrato con rito abbreviato, erano imputati anche alcuni familiari di De Tommaso: i due zii Giuseppe e Gaetano, condannati a 15 anni; il cugino Rosario a dieci anni di reclusione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, capitano morto suicida. Il padre: “Non ci credo. Sapeva che qualcosa non andava”

next
Articolo Successivo

Venezia, arrestato con 3,2 kg di droga: aveva nascosto la cocaina in una pentola piena di miele

next