François Fillon batterebbe Marine Le Pen al primo turno delle presidenziali del 23 aprile in Francia e la sconfiggerebbe al ballottaggio. Questo è il risultato di due sondaggi diffusi nella serata di ieri dopo la vittoria dell’ex premier alle primarie del centrodestra. Dati che annunciano peraltro un disastro per il presidente della Repubblica in carica, François Hollande, che si fermerebbe al 9 per cento. La prestazione di Hollande influenzerebbe quella di tutto il partito socialista poiché anche se – come sembra – si candidasse il premier Manuel Valls, il risultato sarebbe identico.

Secondo un’indagine di Harris Interactive, realizzata per Public Sénat e LCP, su 6.093 persone intervistate al primo turno Fillon si attesterebbe, dunque, al 26% dei voti, seguito dalla leader del Front National Marine Le Pen che sarebbe al 24%. A seguire l’ex ministro dell’Economia Emmanuel Macron (14%) e il leader del Partito di Sinistra Jean-Luc Mélenchon (13%).Hollande come detto sarebbe solo quinto, al 9 per cento, subito davanti al centrista François Bayrou al 6%. L’ecologista Yannick Jadot e Nicolas Dupont-Aignan (euroscettico di destra) sono fermi al 3, la trotzkista Nathalie Arthaud e il comunista Philippe Poutou all’1 %. Risultati quasi identici nell’ipotesi di una candidatura del premier Manuel Valls (9%), al posto di François Hollande. Al ballottaggio Fillon vincerebbe con il 67% dei voti, Le Pen sarebbe invece ferma al 33%.

Per il sondaggio di Odoxa, realizzato per France 2, che ha interpellato 998 persone, la forbice tra Fillon e Le Pen al primo turno sarebbe anche più larga: 32 a 22. Seguono Macron al 13, Mélenchon al 12, Hollande all’8 e Bayrou al 6. Al ballottaggio Fillon si imporrebbe con il 71% contro il 29 della Le Pen. Il 30 per cento del campione non esprime alcuna intenzione di voto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, carcere e frustate per il regista Keywan Karimi

prev
Articolo Successivo

Siria, Damasco: “Esercito controlla gran parte di Aleppo Est”. 10mila civili in fuga

next