8 aprile 2015: un barcone carico di migranti si ribalta al largo delle coste della Libia. Si tratta del più grave naufragio della storia recente avvenuto nel Mediterraneo. 970 morti, solo 28 i superstiti che potranno raccontare ciò che è avvenuto quel giorno. Centinaia i cadaveri rimasti intrappolati nel relitto che, per oltre un anno, è rimasto negli abissi del Canale di Sicilia a 370 metri di profondità. Parte da qui, dalle immagini del fondale dove il barcone si è inabissato nel 2015 e di quelle esclusive del suo recupero un anno dopo, il film “Come è profondo il mare”, in onda domenica 27 novembre alle 23.15 su Sky Atlantic HD e su Sky TG24 Active

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arte, tesoro da 20 mln finito in Ucraina: ritrovato a maggio, resta ostaggio di Kiev

prev
Articolo Successivo

Maltempo, tre palazzi sull’orlo del baratro a Genova a causa di una frana: sfollati 200 residenti

next