“Molti dicono No al Referendum non perché non gli piace la proposta di riforma della Costituzione, ma perché non gli piace il proponente, ossia il governo“. È quanto ha affermato il ministro dell’interno Angelino Alfano ieri a Reggio Calabria per una conferenza stampa insieme al senatore di Ncd Nico D’Ascola, presidente della commissione Giustizia.  Il governo, secondo il ministro dell’Interno, “non può essere giudicato su questa riforma. Il giudizio su tutto avverrà alle elezioni politiche”. E se vince il No e Renzi decide di rassegnare le dimissioni? ”Non ci resta che prenderne atto. Gli chiederemo di non farlo. Saremo tra quelli che andrebbero dal presidente della Repubblica a chiedere che questo governo possa proseguire la propria azione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, nell’inserto speciale dell’Economist endorsement per il Sì: “Così l’Italia si lascia alle spalle governi instabili”

prev
Articolo Successivo

Riforme, M5s in piazza per il No. Grillo sfila con un enorme palloncino a forma di cuore

next