Sei maschilista o ti consideri un playboy? Allora sei a rischio di problemi mentali. A dirlo è uno studio dell’Indiana University di Bloomington (Usa), pubblicato sulla rivista Journal of Counseling Psychology.

I ricercatori hanno condotto una meta-analisi di 18 ricerche, che hanno coinvolto nel complesso 19.453 persone. Si sono focalizzati sulla relazione tra salute mentale e conformità a uno schema di 11 regole che generalmente sono considerate dagli esperti come corrispondenti alle aspettative di una società maschilista: desiderio di vincere; necessità di controllo delle emozioni; assunzione di rischi; violenza; dominanza; promiscuità sessuale (essere playboy); fiducia in sé; molta importanza attribuita al posto di lavoro; potere sulle donne; disprezzo dell’omosessualità; perseguimento di uno status.

Nel complesso, è risultato che gli individui più conformi a queste regole hanno una peggiore salute mentale, soprattutto per quanto riguarda un maggior rischio di depressione e abuso di sostanze. L’associazione più consistente con una salute mentale peggiore riguardava in particolare tre delle regole: autosufficienza, perseguimento di comportamenti da playboy e potere sulle donne, mentre l’attitudine a mettere il lavoro al primo posto non ha effetti particolarmente significativi. Ma gli studiosi hanno lanciato anche un altro allarme: gli uomini che si conformano molto a questi schemi di comportamento non solo hanno maggiori possibilità di andare incontro a problemi di salute mentale, ma anche meno probabilità di cercare aiuto per risolverli.

Lo studio su Journal of Counseling Psycology

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina da record nel “ritocco genetico”. “Può portare a vantaggi nazionali, da economia a sport”

prev
Articolo Successivo

Cellule staminali, scoperta una “fonte” di nuovi neuroni nelle meningi

next